Cartoline Dalla Sardegna

            Sardegna - Stemma

Dialetti e Proverbi

Fazzu su scimpru po non pagai s'osteria! - Mi comporto da scemo per non pagare il conto. (fare finta di non capire)

Mellus a timmi che a provvai! - Meglio aver paura che provare (è meglio usare prudenza nell'agire).

Fora dae coru, fora dae pensamentu - Lontano dal cuore, lontano dal pensiero

Trunch'e figu, hast'e figu - Tronco di fico, ramo di fico (Ovvero: tale padre tale figlio. Vedere anche Fizzu 'e attu)

Traballu inutili, traballu maccu - Lavoro che non arreca utilità, lavoro pazzo

Traballu continu bincit ogni cosa - Il lavoro assiduo vince ogni cosa

Su tricu de Marzu non du messas attu - Il grano di Marzo non tagliarlo alto

Su traballu fattu cum coru, est aggradessiu a Deus - Il lavoro fatto con il cuore è gradito a Dio

Su traballu annunziada chini d’at fattu - Il lavoro stesso indica chi l'ha fatto. (Ovvero: nel bene e nel male, lasciamo la firma su tutto quello che facciamo)

Su perdonare est de Deus, su ismentigare est de maccos. - Il perdonare è di Dio, il dimenticare è dei pazzi

Su mundu est de chie lu cheret, su chelu de chie l'alcansat - Il mondo è di chi lo vuole, il cielo di chi l'ottiene

S'amori nou ci bogada su becciu - L'amore nuovo caccia il vecchio Sa femina esti cummenti sa méla, affora bella, e aintru punta - La donna è come la mela, fuori bella e dentro bacata

Sa facci narada chi est s'homini - Il viso dice chi è l'uomo

Sa cosa furada durada pagu, e cummenti esti benia, s'indi andada - La roba rubata dura poco, e come viene se ne va.

Sa pezza cocta non tornat mai crua - La carne cotta non può ridiventare mai cruda.(Ovvero: una cosa fatta non si può cambiare)

Sa cosa antiga durada de prusu - La cosa antica dura di più

Sa cosa agatada Deus d'ha mandada - La cosa trovata, Dio l'ha mandata

Sa consientia est que su cori-cori, quie lu timet e quie no - La coscienza è come il solletico, c'è chi la teme e chi no.

S'apretu ponet su betzu a currer - Le necessità fanno correre anche i vecchi.

Qui disizat sa morte est unu vile, qui la timet est pejus - Chi desidera la morte è vile, chi la teme è peggio

Pustis de sa justizia benit sa morte - Dopo la giustizia viene la morte.(Ovvero: aver giustizia è più importante anche della morte)

Pò connosci un'amigu de precisu, pappai deppisi unu saccu de sabi impari - Per conoscere bene un amico, devi aver mangiato con lui un sacco di sale.(Ovvero: quanto se ne consuma più o meno in una vita)

Pista, pista ligna vidi, ligna ista - Pesta, pesta legna era e legna rimane.(Ovvero: è inutile tentare di far cambiare idea a un testardo)

Lastima po s'arriccu, ca su poburu giai s'arrangiat - Peccato per il ricco, che il povero già si arrangia. (Ovvero: in circostanze difficili, il povero se la cava sempre, perché è abituato alle difficoltà)

Ognia cosa benidi e passada, foras de su fueddu de Deus - Ogni cosa viene e va, eccetto la parola di Dio

Non ti incrubis meda, ca fais biri su paneri - Non inchinarti troppo, perché metti in mostra il sedere

Niunu frabanciu senza testimongius
Non vi è bugiardo senza testimoni

Nen bella senza peccu, nen leggia senza tractu
Non c'è una bella senza difetto, nè una brutta senza grazia.

Nè cane de piga, nè homine balente, nde mori' mai bezzu
Nè il cane da caccia, nè l'uomo di valore muoiono mai vecchi

Muru de ierru, forte que ferru
Il muro (edificato) d'inverno, forte come il ferro